Il Territorio

Il Territorio della Riviera dei Cedri

La Riviera dei Cedri

Con tale denominazione si identifica una stretta fascia costiera della "Calabria Tirrenica", relativa alla "provincia di Cosenza", nell'"Alto Tirreno Cosentino". Il limite nord della Riviera Dei Cedri coincide con il confine Calabro Lucano, anche se, per le caratteristiche complessive, vi si potrebbe includere anche il Panoramica Piana del Lao da Cirellaterritorio della cittadina di Maratea, in Basilicata. Come punto meridionale può esser preso a riferimento il comune di Paola, dove in passato i cedri hanno conosciuto un'iniziale impianto, successivamente abbandonato in ragione delle non proprio ottimali condizioni climatiche, a causa principalmente dei forti venti freddi che, in inverno, investono la zona sino a Fuscaldo e Guardia Piemontese. Oggi si intende, generalmente ma non esclusivamente, con tale denominazione il territorio compreso tra il Comune di Tortora a nord e quello di Belvedere Marittimo a sud, per una lunghezza nord-sud, di circa 40 chilometri. I comuni compresi in questa fascia sono appena 13, oltre i due citati ci sono in ordine nord-sud: Tortora; Aieta; Praia a Mare; San Nicola Arcella; Scalea; Santa Domenica Talao; Orsomarso; Verbicaro; Santa Maria del Cedro; Grisolia; Maierà Diamante; Buonvicino.
.

Vieni a Scoprire la Riviera dei Cedri con Visit Riviera

VisitRivieraDeiCedri.it è il nuovo portale interamente dedicato alle attività della fantastica Riviera dei Cedri in Calabria. Raccoglie tutte le informazioni utili sui luoghi da visitare e sui paesi della riviera, offre indicazioni e suggerimenti utili su Dove Dormire, Dove Mangiare, Cosa Vedere e Cosa Fare sulla Riviera dei Cedri. Da Tortora a Paola, passando per Praia a Mare, Diamante, Fuscaldo, Grisolia, Buonvicino etc etc. Paesi di Mare e Paesi di Montagna, dal Mar Tirreno al Pollino. Potrai trovare panorami e attività per ogni tuo tipo di interesse. Sei amante delle escursioni? Preferisci la pesca, il rafting, il trekking? Vuoi fare le tue vacanze e trovare il luogo ideale dove giocare a tennis? Esplora VisitRiviera.it o rivolgiti sui nostri canali social per richiedere aiuti e suggerimenti.

diamante e isola di cirella

Diamante

Fonti storiografiche diverse documentano insediamenti già dai tempi dei Focesi e dei Romani. Le prime notizie sulla nascita di un vero e proprio nucleo abitato nei luoghi di Diamante risalgono al 1500, allorquando il Principe Sanseverino ordinò la costruzione di una postazione difensiva per contrastare le incursioni saracene. Intorno al torrione dei Sanseverino sorse più tardi una fortificazione del territorio ad opera del principe di Bisignano Tiberio Carafa, padrone dei territori di Belvedere Marittimo e di Diamante già dal 1622. Al termine delle scorribande turche, la popolazione dalle campagne si spostò verso il mare incrementando i traffici commerciali. Successivamente benestanti e commercianti napoletani, amalfitani e salernitani, e nobili famiglie, anche di origine spagnola vi si stabilirono per la posizione e l'amenità del luogo dando vita al centro abitato.

leggi tutto
centro storico tortora

Tortora

Tortora (in calabrese Tùrturi) è il primo comune della Calabria nord occidentale che si affaccia sul Mar Tirreno, al confine con la Basilicata, paese di notevole importanza per il turismo balneare. Il suo territorio prevalentemente collinare è incluso in gran parte nel Parco nazionale del Pollino, confina sul versante nord con i comuni di Maratea e Trecchina, a nord-est con Lauria, ad est con Laino Borgo, a sud con Aieta e Praia a Mare e ad ovest con il Mar Tirreno. Il territorio è diviso in tre realtà antropiche: il centro storico che conta circa 550 abitanti, le frazioni montane con circa 550 abitanti e la marina con circa 4900 abitanti.

leggi tutto
antico borgo di aieta

Aieta

Sorta in una zona abitata fin da tempi antichi da greci e da bruzi, come testimoniano i reperti archeologici del V secolo a.C. rinvenuti nei dintorni, in passato si Il nome del comune, "Ajeta", deriva dal greco "aetos" (aquila), una volta presente nel territorio dell'antico centro abitato situato sul monte Calimaro (dal greco "kalos" = bello ed "emeron" = giorno). Il territorio di Ajeta fu abitato fin dalla preistoria, come provano alcuni ritrovamenti del paleolitico e del neolitico.

leggi tutto
costa di praia a mare

Praia a mare

Praia a Mare è un comune di 6.871 abitanti della provincia di Cosenza. In origine popoloso villaggio di contadini e di pescatori sorto sulle spiagge strette tra il corso del fiume Noce, che a nord segna il confine con la Basilicata ed il contrafforte roccioso oltre la pianura alluvionale del fiume Lao, fu inizialmente la frazione marinara del confinante comune di Aieta. Praia a Mare diviene comune amministrativamente autonomo nel 1928. Per secoli Praia ha mantenuto integri e vivi usi, costumi e tradizioni della vicina rocca natia. L'etimologia del nome è incerta, anche se ricorda i traffici di merci e di uomini che nell'antichità avvenivano sulla costa Tirrenica: deriverebbe da "Plaga Sclavorum", spiaggia degli Sclavoni o degli Schiavoni, o da "Plaga Slavorum", spiaggia degli Slavoni.

leggi tutto
san Nicola arco magno

San Nicola Arcella

Lord Francis Marion Crawford scrittore statunitense, si innamorò della baia di San Nicola Arcella mentre, sulla sua piccola barca accompagnato dalla moglie e da un marinaio, si spingeva nell' esplorazione delle coste del sud Italia. Soleva soggiornare nella torre saracena dove traeva ispirazione per i suoi racconti alcuni ambientati proprio nel piccolo centro calabrese.

leggi tutto
Papasidero gole del fiume Lao

Papasidero

E’ situato a 210 mt. Sul livello del mare. Il suo territorio ha un’estensione di kmq. 54,65. E’ attraversato dalla SS 504 (Scalea - Mormanno); dista 22 km. dalla SS 18 e 21 km. dalla A3. La sua popolazione al Luglio di quest’anno è di 1.370 abitanti. Stazione CC: Mormanno, Pretura e Tribunale: Castrovillari. Appartiene dal 1980 alla diocesi di S. Marco Argentano, dopo essere stato compreso in quella di Cassano Jonio per circa dodici secoli. L’economia è oggi assai povera, anche se in ripresa grazie alla vocazione "escursionistica"

leggi tutto
scalea spiagge

Scalea

Sede di insediamenti fin dalla preistoria, dopo la costruzione di un convento francescano nel XIII secolo ad opera di Pietro Cathin, discepolo di Francesco d'Assisi, divenne un centro religioso e culturale. Per la posizione di scalo marittimo, fu sottoposta nei secoli agli attacchi di saraceni e corsari. Fortemente danneggiata dai bombardamenti aeronavali da parte delle forze armate anglo-americane nel corso dell'ultimo conflitto, è attualmente centro turistico e balneare, con la città vecchia arroccata a dominare la parte moderna che si affaccia sulle ampie spiagge.

leggi tutto